Home > Novit Agrave e Offerte > Inaugurazione di Castellarquato

Inaugurazione di Castellarquato - 06/08/2010

Inaugurazione di Castellarquato

 

Gianfranco Magnelli. «Sono nato a Vigolo Marchese e per me è un'emozione fortissima essere qui, nel mio comune, ad inaugurare qualcosa fatto da me»

 

CASTELLARQUATO - (dam) Dal nuovo distributore automatico di Castellarquato scenderà gratuitamente acqua naturale o frizzante, fresca e depurata. Abbandonata la vecchia concezione delle fontanelle pubbliche, oggi l'acqua va di moda imbottigliarla in queste casette che hanno scritto Piacenza nel Dna e che Enia, in accordo con il progetto Ato (Agenzia d'ambito territoriale) «acquapubblica» per il rilancio del consumo di acqua della rete idrica, sta facendo costruire in tutta la nostra provincia. Quella di Castello, allocata in via Salvo d'Acquisto proprio di fronte alla caserma dei carabinieri, è infatti la dodicesima nata che fa seguito a quelle già presenti in comuni come Rottofreno, Pontenure o Fiorenzuola. «Ma presto saranno 20» ha assicurato il presidente di Enìa Spa Mauro Rai presente assieme al sindaco arquatese Ivano Rocchetta per il taglio del nastro dell'impianto. «Sono orgoglioso di essere qui per questo debutto - ha affermato il primo cittadino di Castellarquato - perché questa è un'opera fortemente voluta dalla mia amministrazione ed inserita - ha rimarcato - nel mio programma elettorale che, a distanza di un anno, è già stata realizzata. Abbiamo deciso una location baricentrica, vicino alle Poste, ai carabinieri e al centro parrocchiale per facilitare i cittadini arquatesi». In tre parole l'acqua distribuita sarà quindi, secondo il sindaco, «sicura», perché costantemente monitorata, «economica», perché bevendo l'acqua del rubinetto, diminuisce la spesa per le famiglie, ed «ecologica» perché a «km zero» e fa ridurre notevolmente la quantità di rifiuto plastico. «Abbiamo inoltre calcolato che, soltanto a Piacenza, - ha aggiunto Rai - sono state risparmiate 56 tonnellate di plastica». A realizzare l'impiantistica dell'erogazione dell'acqua, dotata di sicuri rubinetti «anti tocco», di tutti i distributori piacentini, ma anche di quelli parmensi o reggiani, è una ditta di Piacenza, nel parla Gianfranco Magnelli. «Sono nato a Vigolo Marchese e per me è un'emozione fortissima essere qui, nel mio comune, ad inaugurare qualcosa fatto da me - spiega emozionato il chimico che poi entra nel dettaglio di come funzionano i distributori - Innanzi tutto, va detto, che il distributore non esegue una depurazione: l'acqua è già depurata di suo perché è quella che scende anche dal rubinetto delle nostre case». In sostanza, prosegue Magnelli, il distributore, attraverso un sistema di filtri e di lampade led ad ultravioletti, rende il sapore dell'acqua più gradevole perché anche in grado di addizionarvi anidride carbonica. Durante la notte infine, quando il servizio di erogazione viene sospeso, entra in azione un sistema di sanificazione naturale dell'impiantistica a base di ossigeno derivante da perossido d'idrogeno (acqua ossigenata). Dopo l'inaugurazione è stato effettuato un rinfresco offerto dal vicino supermercato.


> scarica l'allegato (PC0608-PRO05-30.pdf)